Trapani Calcio | Sito Ufficiale

Storia

LA STORIA DI UN SOGNO DIVENTATO REALTA’

 

I fatti, gli eventi, i personaggi che hanno segnato la nascita e l’evoluzione del Trapani Calcio.

 

Il Trapani Calcio è un club calcistico fondato nel 1905 con il nome di Unione Sportiva Trapanese, ed è la principale società calcistica della città di Trapani.
Una storia turbolenta, nel corso della quale il prestigio calcistico di Trapani è stato affidato a varie società.

 

Dal 1905 al 1943

Domenica 2 aprile 1905 sulla Gazzetta di Trapani appariva la notizia che “per iniziativa di alcuni giovani volenterosi” era sorta “una Associazione per fare il gioco del Foot-ball”. Si trattava dell’Unione Sportiva Trapanese la cui attività ebbe inizio nel 1907 per iniziativa dell’insegnante di educazione fisica prof. Ugolino Montagna e del giovane trapanese Abele Mazzarese. A presiederla fu il marchese Giuseppe Platamone. Gli allenamenti si svolgevano nella palestra di Via Spalti. La prima gara ufficiale a Trapani probabilmente fu quella dell’ottobre 1908 contro i palermitani. L’Unione Sportiva Trapanese si sfaldò ben presto. Con la guerra del 1915-1918 le attività furono sospese.
Nel 1921, sorsero la Vigor del prof. Bencivegna e la Drepanum. Nel 21-22 la Vigor fu 5ª nel campionato nazionale CCI, ma fu successivamente eliminata.
Il 22 gennaio 1923, Vigor e Drepanum si fondono dando vita all’ U. S. Trapanese.
Nel Giugno 1926 la società prese il nome di A.S. Trapani.
Tra il 1926 e il 1928 si trova in I Divisione una Vigor Trapani.
Nel 1930 sorse la Juventus Trapani che nel 1930-31 arrivando prima in III Divisione, venne promossa in II Divisione, nel 1931-32 arrivò 1° in II Divisione e venne promossa in I Divisione, quindi nel 1932-33 si piazzò 5° in I Divisione.
Dal 1933 al 1940 vi fu attività a livello minore e tra il 1939 e il 1941 nasce una nuova Juventus Trapani. L’U.S. Trapani partecipò infine alla Serie C nella stagione 1942-1943. Dal 1940 al 1945 vi fu la sospensione per cause belliche.

 

Dal 1944 al 1977

La Juventus Trapani partecipò al campionato siciliano 1944-1945 e l’A.S. Trapani a quello di I Divisione della stagione successiva. Nel luglio 1946 si giunse alla costituzione dell’A.S. Drepanum. Con il Presidente Franco Adragna, la nuova società dalla stagione 1946-1947 al 1950 prese parte al campionato di Serie C. Dopo due anni in Promozione il 2 luglio 1952, fu nominato presidente Peppino Di Marzo; la società, ottenuta l’ ammissione in IV Serie (che sostituiva la Promozione), cambiò nome assumendo quello di A.S. Trapani. Il Trapani partecipò alla IV Serie di Eccellenza nel 1957-58, campionato nel quale si classificò 6° e dal quale passò in Serie C. L’estate del 1958 fu caratterizzata anche da una drammatica crisi societaria che portò l’assemblea dei soci a nominare nel luglio Aldo Bassi come commissario straordinario: il Trapani visse alcune stagioni di alto livello. A metà degli anni sessanta alla guida della società venne chiamato Gerolamo Marchello. Sogni e delusioni si alternarono. La situazione di crisi trovò soluzione nel luglio 1971 con l’arrivo alla guida della società di Giuseppe Ruggirello. Si tornò a puntare in alto. Il “Presidentissimo” così chiamato tuttavia fu una meteora e non si andò oltre l’immediato ritorno in Serie C dove si rimase sino alla stagione 1977-1978 in un continuo succedersi di presidenti e di commissari straordinari.

 

Dal 1978 al 2001

Nella stagione 1978-79 disputata in C/2, il Trapani finì in Serie D. Si salvò nella stagione 1979-1980. Seguì un’altra stagione sempre in Serie D. Nacque un’altra società di Trapani, il Ligny, poi diventata Pro Trapani. La fusione delle due società trapanesi, avvenuta l’1 luglio 1984, diede vita all’A.S. Trapani 1906. Nel 1985 si tornò in Serie C/2. Ma dopo alcune alterne vicende nel giugno del 1990 l’A.S. Trapani 1906 gettò la spugna.
L’instancabile azione di stimolo del Club “Bruno Nardi” e l’inesauribile Caterina Isca portò alla nascita, il 22 giugno 1990, del Trapani Calcio S.p.a. con amministratore unico l’imprenditore Andrea Bulgarella. Si ottenne l’ammissione al Campionato Interregionale. Si aprì una delle stagioni più favorevoli della storia del calcio trapanese. Nel 1992-93 arrivò la promozione in C/2 e nel 1993-94 quella in C/1. Seguì un’altra bellissima stagione che portò il Trapani a disputare i play off per la promozione in Serie B. Seguono anni non facili. Dopo l’incredibile mancata promozione in C/1 del 1997-98 Bulgarella lascia la Società che viene rilevata da un gruppo di palermitani. Nella stagione 1999-2000 il Trapani, retrocede in Serie D tra i dilettanti. In seguito, l’esclusione dalla stessa Serie D (l’1 agosto del 2000 l’iscrizione del Trapani in serie D non viene ratificata e da qui la retrocessione in Eccellenza).
Così nel 2000-01 il Trapani si salva dopo play-out con la Termitana. Si va tuttavia avanti a stento, la società viene radiata.

 

Dal 2002 al 2013

Il calcio a Trapani torna grazie alla nuova società del presidente Nino Birrittella: l’A.S.D. Trapani, nata il 31 Luglio 2002 attraverso i ripescaggi, è ammessa al campionato di serie D, dove riuscirà a conquistare serenamente un piazzamento di metà classifica sia nella stagione 2002-2003 sia in quella successiva. Le stagioni 2004-2005 e 2005-2006 sono segnate da un peggioramento delle attività sportive e da due episodi chiave: nel 2005 la società passa da Nino Brittella, a Vittorio Morace, attuale proprietario.
Scontata la penalizzazione, nella stagione 2007-2008 l’A.S.D.Trapani ritorna in serie D. Il Trapani viene ripescato in Lega Pro II Divisione nell’estate 2010 e la società cambia denominazione in Trapani Calcio S.r.l.
Al termine della stagione 2010-2011 il Trapani si piazza al secondo posto alle spalle del Latina e si qualifica per i Play-off promozione. Dopo aver sconfitto in semifinale un coriaceo Neapolis raggiunge la finale incontrando nuovamente l’Avellino: con un perentorio 3-1 tra le mura amiche che ribalta il risultato negativo di 1-2 ottenuto ad Avellino, la formazione di Boscaglia conquista la promozione in Lega Pro Prima Divisione coronando nel migliore dei modi una stagione ricca di soddisfazioni che ha fatto rinascere, nei trapanesi, l’amore per il calcio della propria città.
Il Trapani Calcio nella stagione 2011-2012 di Lega Pro Prima Divisione dopo un campionato sorprendentemente di alta classifica (la matricola siciliana fu in testa dalla 21ª alla 32ª giornata con nove vittorie consecutive tra dicembre e febbraio) vide diradarsi ed annullarsi il cospicuo vantaggio in favore dello Spezia (a dieci giornate dalla fine la formazione siciliana risultava in vantaggio di nove punti dalla seconda in classifica, il Siracusa, e di undici dallo Spezia, poi vincitore del torneo), posizionandosi seconda con 60 punti alle spalle dei bianconeri liguri, protagonisti di una poderosa rimonta, e qualificandosi per i successivi play-off promozione.
Durante i play-off il Trapani supera la Cremonese in semifinale con due pareggi (entrambi finiti con il risultato di 1-1) conquistando la finale in virtù della migliore posizione in classifica raggiunta durante la stagione regolare. Nel doppio incontro della finale, la squadra granata dopo aver pareggiato 1-1 in trasferta contro la Virtus Lanciano, viene sconfitta nella partita di ritorno in casa per 1-3, perdendo inaspettatamente la promozione in Serie B a favore degli abruzzesi.
Nel campionato di Lega Pro Prima Divisione 2012-2013 la squadra giunge al primo posto in classifica dopo un testa a testa con il più quotato Lecce ottenendo così la prima promozione della sua storia in Serie B. La squadra termina la propria avventura in Lega Pro Prima Divisione con diciotto risultati utili consecutivi nelle ultime gare disputate, rimanendo imbattuta per tutto il girone di ritorno, con il migliore attacco del campionato, il capocannoniere, il maggior numero di vittorie fuori casa e il minor numero di sconfitte subite (4, al pari della Salernitana nel calcio professionistico italiano).

Stagione 2013-14

L’esordio assoluto del Trapani in Serie B nella stagione 2013/14 avviene allo Stadio Euganeo il 24 agosto 2013, con una vittoria esterna. Il Trapani debutta in un Provinciale gremito pareggiando 2-2 contro il Pescara. Il primo k.o. è ad opera del Modena per 3-1 allo Stadio Alberto Braglia. Il Trapani perde il derby contro il Palermo, il primo disputatosi nella storia della serie cadetta, sia all’andata per il risultato di 3-0, che al ritorno, dove i rosanero lanciati verso la Serie A si impongono per 1-0. Tra novembre e marzo segue un’incredibile serie di quattordici risultati utili consecutivi, che vedono i granata raggiungere il terzo posto solitario in classifica dopo il turno infrasettimanale a La Spezia. Imbattuto fuori casa per quasi cinque mesi, lo stop arriva il 5 aprile contro il Carpi allo Stadio Sandro Cabassi. Al termine del campionato Matteo Mancosu, all’esordio nella categoria, è il capocannoniere con 26 reti messe a segno. In Coppa Italia il Trapani vince agevolmente contro l’Albinoleffe e il Padova, uscendo però dalla manifestazione il 4 dicembre 2013, sconfitto 3-2 sul campo dell’Inter.

Stagione 2014-15

Il secondo campionato in Serie B segna la conclusione, dopo sei anni, del rapporto fra il Trapani ed il tecnico Roberto Boscaglia ed apre, a marzo 2015, l’era Serse Cosmi, che sostituisce l’allenatore di Gela nella panchina granata. La stagione 2014-15 inizia con l’esclusione della Coppa Italia del Trapani ad opera della Cremonese. Il campionato si apre con Pescara-Trapani 0-0 ed a fine girone d’andata la squadra è forte di un bottino di 30 punti. La ripresa del campionato, dopo la sosta invernale, si apre con l’unica sconfitta in casa subita dal Trapani in tutto il campionato (Trapani-Pescara 2-4). Le successive nove giornate sono caratterizzate da pareggi e sconfitte, che portano il Trapani a racimolare quattro punti ed a trovarsi ad un passo dalla zona play out. Il 10 marzo viene esonerato l’allenatore Boscaglia ed al suo posto subentra Serse Cosmi. Il Trapani risale la classifica e conquista la salvezza con una giornata d’anticipo rispetto alla fine del campionato.

 

 

Stagione 2015-16

Ad un gol dalla serie A. Si può riassumere così il campionato 2015/16 del Trapani, che chiude la stagione regolare al terzo posto, conquista la finale play off e non raggiunge la massima serie dopo la sconfitta per 2-0 a Pescara nella gara d’andata ed il pareggio per 1-1 in quella di ritorno. Una cavalcata incredibile quella dei granata: a 29 punti a fine girone d’andata, il Trapani chiude il campionato a 73 punti, frutto di 20 partite vinte, 13 pareggiate, 9 perse. L’ultima sconfitta in campionato il 13 febbraio 2016 (Virtus Entella-Trapani 4-0) e da quel momento il Trapani non si ferma più: i ragazzi di Serse Cosmi fanno sognare un intero territorio e si mostrano alla platea nazionale come i protagonisti di un sogno fatto di impegno, sacrificio e voglia di emergere. I granata affrontano i play off, battendo in semifinale lo Spezia. La partita d’andata della finale play off è a Pescara il 5 giugno: il Trapani paga probabilmente la stanchezza di un campionato giocato ad altissimi livelli e con grande intensità. Finisce la gara in dieci uomini ed esce sconfitto per 2-0 dallo Stadio Adriatico. La gara di ritorno il 9 giugno a Trapani si apre con un gol di Nicola Citro che riapre i giochi, ma il Pescara pareggia con un gol incredibile e per il Trapani svanisce il sogno serie A in uno stadio gremito di sostenitori, che applaudono la squadra.


I PRESIDENTI

1930-32 Gaetano Gionfrida
1932-33 Francesco Adragna
1933-34 Salvatore Adragna (Comm. di Reggenza)
1934  Li Donni, Gerolamo Favara e Nicola Lamia (Comm. di Reggenza)
1934-36 Attilio Amodeo
1936-39 Giovanni Sardo
1939-44 Manca l’informazione
1944-45 Pino Savona
1946-47 Franco Adragna
1947-48 Luciano Daidone
1948-49 Francesco Manzo
1949-50 Giacomo Augugliaro
1950-51 Roberto Fardella
1951-52  Giuseppe Di Blasi (Comm. Straordinario)
1952 Vincenzo Baiamonte (Comm. Straordinario)
1952 Manca l’informazione
1952 Stefano Fontana
1952-56 Peppino Di Marzo
1956-58 Carmelo Solina
1958-65 Aldo Bassi (Comm. Straordinario)
1965-70 Girolamo “Mommo” Marchello
1970-71 Eros Costa
1971 Ettore Gentile (Comm. Straordinario)
1971-72 Giuseppe Ruggirello
1972-73 Nicola Liotti
1973-74 Antonio Romano
1974-75 Enzo Culicchia (Comm. Straordinario)
1975 Vito Poma
1975 Dino Bileci (Comm. Straordinario)
1975-77 Ettore Gentile (Comm. Straordinario)
1977 Pietro Culcasi
1977-78 Saverio Catania
1978-79  Leonardo Impellizzeri (Comm. Straordinario)
1979-80 Comitato di gestione
1980-81 Pio Valenti (Comm. Straordinario)
1981-84 Alberto Bosco
1984-86 Giovanni Adragna
1986-89 Antonino Sugameli
1989-90 Elio Marini
1990-98 Andrea Bulgarella
1998 Giuseppe Poma
1998-00 Giuseppe Rosano
2000 Vincenzo Scontrino
2000-02 Manca l’informazione
2002-05 Antonino Birrittella
2005-oggi Vittorio Morace


GLI ALLENATORI

Juventus Trapani

1930-31 Heinrich Schönfeld
1931-32 Heinrich Schönfeld
1932-33 Heinrich Schönfeld
1933-34 Attilio Buratti
subentra Heinrich Schönfeld
1934-35 Heinrich Schönfeld
1935-36 – ?

U.S. Trapani

1936-37 Vito Rosano
1937-38 Amilcare Oddo
1938-39 Amilcare Oddo

Juventus Trapani

1939-40 –
1940-41 –
1941-42
1942-43 Elio Maccaferri
1943-44 –
1944-45 Messina

A.S. Trapani

1945-46 Giovanni Oddo

subentra Gino Pipitone

A.S. Drepanum

1946-47 Gino Pipitone
1947-48 Beppe Cutrera
1948-49 Lajos Politzer
1949-50 Achille Piccini
1950-51 Eolo Rossi
1951-52 Aimone Lo Prete

A.S. Trapani

1952-53 Aimone Lo Prete
subentra Ferenc Plemich
1953-54 Ferenc Plemich
subentra Nevio Corradini
subentra Luigi Soffrido
1954-55 Eolo Rossi
subentra Salvatore Giliberti
subentra Gastone Prendato
1955-56 Gastone Prendato
1956-57Gastone Prendato
1957-58 Ottorino Dugini
1958-59 Aurelio Marchese
1959-60 Ottorino Dugini
1960-61 Ottorino Dugini
1961-62 Ottorino Dugini
subentra Gastone Prendato
1962-63 Leandro Remondini
1963-64 Francesco Lamberti
subentra Luigi Soffrido
1964-65 Gino Vianello
subentra Renato Piacentini
1965-66 Renato Piacentini
1966-67 Eliseo Lodi
subentra Piero Andreoli
1967-68 Piero Andreoli
subentra Renato Piacentini
subentra Domenico Rosati
1968-69 Francesco Lamberti
1969-70 Giovanni Zanollo
subentra Fulvio Castaldi
subentra Romolo Camuffo
subentra Piero Andreoli
1970-71 Ottorino Dugini
1971-72 Aurelio Bongiovanni
1972-73 Aurelio Bongiovanni
subentra Alberto Eliani
subentra Giancarlo Vitali
1973-74 Antonino Morana
1974-75 Renzo Sassi
1975-76 Antonino Morana
1976-77 Aurelio Bongiovanni
1977-78 Aurelio Bongiovanni
subentra Egizio Rubino
1978-79 Egizio Rubino
subentra Domenico Rizzo
1979-80 Antonino Morana
1980-81 Elia Greco
1981-82 Washington Cacciavillani
1982-83 Washington Cacciavillani
subentra Giuseppe Dell’Aquila
subentra Carlo Orlandi
1983-84 Alvaro Biagini
subentra Nicola Celano

A.S. Trapani 1906

1984-85 Carlo Orlandi
1985-86 Carlo Orlandi
1986-87Graziano Landoni
subentra Antonino Morana
1987-88 Antonino Morana
subentra Franco Rondanini
1988-89 Franco Rondanini
1989-90 Franco Rondanini
subentra Francesco Concialdi
subentra Mario Facco

Trapani Calcio S.p.A.

1990-91 Angelo Lombardo
subentra Francesco Concialdi
subentra Enzo Domingo
1991-92 Lino De Petrillo
subentra Ignazio Arcoleo
1992-93 Ignazio Arcoleo
1993-94 Ignazio Arcoleo
1994-95 Ignazio Arcoleo
1995-96 Walter Nicoletti
1996-97 Ivo Iaconi
1997-98 Giovanni Pagliari
1998-99 Aldo Papagni
subentra Andrea Pensabene
1999-00 Ezio Capuano
subentra Pietro Ruisi
subentra Ezio Capuano
2000-01 Massimiliano Mazzara
2001-02 Massimiliano Mazzara

A.S.D. Trapani Calcio

2002-03 Massimiliano Mazzara
2003-04 Massimiliano Mazzara
2004-05 Dario Golesano
subentra Nicola Celano
subentra Dario Golesano
2005-06 Salvatore Vassallo
subentra Cosimo De Feo
subentra Ignazio Arcoleo
2006-07 Tarcisio Catanese
2007-08 Tarcisio Catanese
2008-09 Tarcisio Catanese
subentra Carmine Pugliese
2009-10 Roberto Boscaglia

Trapani Calcio S.r.l.

2010-11 Roberto Boscaglia
2011-12 Roberto Boscaglia
2012-13 Roberto Boscaglia
2013-14 Roberto Boscaglia
2014-15 Roberto Boscaglia

subentra Serse Cosmi
2015-16 Serse Cosmi
2016-17  Serse Cosmi


I contenuti sono stati elaborati attraverso ricerche su siti web e su testi del giornalista Franco Auci.

Media