Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/templates/bt_arise/blocks/header.php on line 17

Trapani Calcio


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 30

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 31

Il Trapani 2016/17. Perfezionato l'ingaggio del difensore Anton Kresic

Kresicufficialetp E’ stato perfezionato oggi l’ingaggio del difensore Anton Kresic, che arriva al Trapani in prestito dall’Atalanta con un contratto annuale con diritto di opzione e contro opzione. Kresic ha svolto la preparazione pre-campionato con la squadra granata, grazie al nulla osta dell’Atalanta.

Nato a Dieburg (Germania) il 29 gennaio 1996 da genitori croati, Kresic è un difensore centrale alto 198 cm. Cresce nelle giovanili del Naftas Ivanic per poi passare all’Nk Zagabria dove ricopriva il ruolo di attaccante. E’ il suo allenatore Miroslav Blasevic a trasformarlo in un centrale difensivo imponente e sicuro, col vizio del gol. Nazionale croato, nel 2015 passa all’Atalanta dove diventa un punto fermo della formazione Primavera bergamasca: su 47 partite disputate ha anche messo a segno 10 reti.

Ecco le sue prime parole da calciatore del Trapani:

“Mi aspetto tanto da quest’esperienza al Trapani, sono qui per giocare e dimostrare il mio valore. Il Trapani è una squadra molto importante ed è l’ideale per crescere nel mondo professionistico. Mister Cosmi è un grande, un allenatore che lavora tanto e benissimo. Mi piace tanto il suo modulo e il suo modo di lavorare”. Anton Kresic ha nella sua giovane carriera anche un passato come attaccante: “Quando giocavo a Zagabria ho fatto per un anno l’attaccante ma adesso sono a tutti gli effetti un difensore. Sono un difensore centrale e mi ispiro al mio idolo Jerome Boateng. Del Trapani ho seguito e conosciuto bene Petkovic, mentre Janis Cavagna, mio ex compagno nella Primavera dell’Atalanta, mi ha parlato benissimo di questa società e mi ha detto che c’è una buona squadra e che si lavora molto bene”.