Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/templates/bt_arise/blocks/header.php on line 17

Trapani Calcio


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 30

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 31

Primavera Tim.Trapani-Genoa 0-1

TRAPANI-GENOA 0-1

TRAPANI: Loliva, Lombardo (dal 1’ st Scuderi), Cosentino, Mule’ (dal 28’ st Alagna), Tumminelli, Marino, Bulades, Canino (dal 18’ st Salone), Ocello, Mistretta, La Piana. In panchina: Croce, Schiazza, Arcuri, Novara, Todaro, Rocchetta, Gastone, Selvaggio, Spadaro. All. Di Gaetano

GENOA: Cella, Scannapieco, Mahrous, Coppola, Quaini, Nuti, Gulli (dal 22’ st Ierardi), Palesi (dal 33’ st Fassone), Asencio (dal 36’ st Gomes), Piscopo, Panico. In panchina: Bellusci, Capotos, Benedetti. All. Stellini

Arbitro: Fabio Pasciuta di Agrigento; assistenti: Alessandro D’Annibale di Marsala, Salvatore Sangiorgio di Catania

Reti: Piscopo al 12’ pt

Note: Ammoniti Panico al 22’ pt e Canino al 37’ pt. Calci d’angolo 7-2 per il Trapani



La cronaca

Nella venticinquesima e penultima giornata del campionato Primavera Tim (girone A) il Trapani cade in casa contro il Genoa. Una sconfitta di misura che i granata non hanno meritato affatto, anzi per la mole di gioco espresso, gli undici di mister Di Gaetano avrebbero meritato qualcosa in più del semplice pareggio.In più, Canino e compagni hanno dovuto fare conto con la sfortuna visto il rigore fallito da Mistretta che avrebbe reso il match ancor più godibile. Partita frizzante, divertente al “Roberto Sorrentino”, le due squadre non hanno grosse pretese se non quella del Trapani di evitare l’ultima posizione in classifica. La prima occasione della gara arriva al 6’ ed è del Genoa con Panico che da pochi metri trova il palo graziando L'oliva che nulla avrebbe potuto. Rossoblù che però al 12’ trovano il vantaggio con una bella azione manovrata sulla destra: Panico lancia in profondità con un passaggio Gulli, alle spalle di Cosentino; il centrocampista genoano mette una palla forte e tesa che attraversa tutta l’area piccola, sul secondo palo ben appostato c’è Piscopo che altro non deve fare che appoggiare in rete. La reazione dei padroni di casa però è veemente e col passare dei minuti costringono i diretti avversari nella propria trequarti: al 19’ Mistretta in area spalle alla porta difende la sfera, vuole girarsi ma viene messo giù da Coppola. C’è il rigore per il signor Pasciuta; dal dischetto si presenta lo stesso attaccante che si fa ipnotizzare da Cella. I granata però vogliono a tutti i costi il pari anche perché il Genoa è intimorito dall’aggressività e dalla corsa degli avversari. Al 31’ altra palla gol Trapani con Marino che serve Bulades che sceglie la soluzione più logica col piatto anche se l’estremo difensore genoano è ancora una volt decisivo in uscita bassa. Genoa avanti con un colpo di testa a lato di PIscopo al 33’. Si va sempre sugli esterni ed è la fascia destra a creare maggiori grattacapi alla retroguardia ligure: dai e vai tra Mistretta e Bulades con il numero sette a tirare di prima intenzione. Pallone non molto lontano dal palo più lontano del portiere che da lì a poco è nuovamente impegnato sventando una potenziale occasione dopo un errore in fase di impostazione. Il monologo rimane sempre quello anche nel secondo tempo con una novità, rappresentata dall’ingresso in campo di Scuderia a sostituire Lombardo, al rientro dopo un infortunio. Di Gaetano ordina ai suoi di mantenere sempre molto alto il baricentro anche a rischio di scoprirsi di eventuali contro piedi: Mistretta al 48’ sempre in area, quasi dalla linea di fondo mette al centro ma un difensore è be appostato a mettere in corner negando ad Ocello la deviazione vincente da zero metri. Di Gaetano getta nella mischia Salone che entra subito bene in partita: al 66’ ci tenta dalla distanza, palla ancora viva e azione che prosegue e termina con un altro tiro ma di Marino che costringe Cella al corner (alla fine gli angoli battuti dal Trapani saranno sette contro i due del Genoa). La Piana e compagni col passare dei minuti accusano una più che ragionevole stanchezza, così Stellini e i suoi cercano il colpo del definitivo KO. Loliva lo evita su Panico all’83’ ma i tre punti se li aggiudicano comunque i genoani. Il Trapani rimane a quota 12 punti e chiuderà a Novara.