Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/templates/bt_arise/blocks/header.php on line 17

Trapani Calcio


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 30

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/plugins/content/phocadownload/phocadownload.php on line 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.trapanicalcio.it/home/trapanicalcio/components/com_phocadownload/helpers/route.php on line 245

Regolamento

REGOLAMENTO D’USO DELL’IMPIANTO 
STADIO POLISPORTIVO PROVINCIALE DI TRAPANI

(Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla Legge 88/2003)

PREMESSA

L’accesso e la permanenza all’interno dell’impianto sportivo è espressamente soggetta all’implicita accettazione da parte dello spettatore di questo Regolamento e delle normative emanate dalla FIFA, dalla UEFA, dalla Lega Nazionale Professionisti, dal Trapani Calcio Srl, dall’Autorità di Pubblica Sicurezza.

L’acquisto del titolo di accesso determina l’accettazione incondizionata da parte dello spettatore del presente Regolamento.

L’inosservanza dello stesso comporterà l’immediata risoluzione del contratto di prestazione, con il conseguente allontanamento dall’impianto del contravventore nonché l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 €. Qualora il contravventore risulti già sanzionato nella stessa stagione sportiva, anche in un impianto diverso, per la medesima violazione del regolamento d’uso, la sanzione può essere aumentata secondo le disposizioni di legge in materia e può essere comminato il divieto di accesso alle manifestazioni sportive.

Il presente regolamento d’uso dovrà essere osservato e rispettato anche in occasione di eventi organizzati da altre società, associazioni o enti.

Definizioni

  1. Per Stadio si intende l’intera struttura dello Stadio Polisportivo Provinciale, tutte le aree di pertinenza, occupate od utilizzate dal Trapani Calcio Srl;
  2. Per Club si intende il Trapani Calcio Srl;
  3. Per evento si intende ogni manifestazione calcistica di serie B, Coppa Italia, nonché le competizioni nazionali, comprese le amichevoli, che si svolgeranno nello stesso Stadio, organizzate e gestite dal Trapani Calcio Srl.

Norme generali

  1. La Società organizzatrice responsabile dell’emissione e distribuzione dei titoli d’accesso è il Trapani Calcio Srl. Al momento dell’acquisto del titolo d’accesso l’acquirente ha l’onere di controllare l’assenza di eventuali errori e/o omissioni non essendo il Trapani Calcio Srl responsabile per eventuali errori materiali su quanto riportato sul titolo d’accesso. La manifestazione per la quale si autorizza l’ingresso, acquistando il titolo d’accesso, si svolgerà presso lo Stadio Polisportivo Provinciale di Trapani, Via Sicilia Erice (TP).
  2. Con l’acquisto del titolo d’accesso il titolare si impegna a prendere visione ed a rispettare tutti i punti del “regolamento d’uso” dell’impianto sportivo, reperibile per intero sul sito internet ufficiale del Trapani Calcio Srl (http://www.trapanicalcio.it) e presso tutti i varchi di accesso all’impianto sportivo;
  3. Il Club non risponde per smarrimenti, incidenti o danni a persone o cose nello Stadio e nelle aree di pertinenza, salvo che il fatto non sia direttamente imputabile a sua negligenza e colpa;
  4. Il Club non può garantire che la gara abbia luogo nella data e nell’ora prevista e si riserva inoltre il diritto di ridefinire la data e l’ora della gara senza alcun preavviso e senza dover incorrere in nessun tipo di responsabilità; In caso di Evento posposto, annullato o svolto con la chiusura di tutti o parte dei settori dello stadio, il rimborso avverrà secondo quanto previsto dal contratto di acquisto del titolo di accesso. Il Club non avrà nessun altro obbligo oltre a quello del rimborso del biglietto. Il rimborso o la sostituzione del biglietto avrà luogo solo a fronte di presentazione e, quindi, restituzione dello stesso.
  5. Lo spettatore può essere sottoposto, anche da parte degli steward ed a mezzo di metaldetector, oltre che da parte delle Forze dell’Ordine, a controlli finalizzati ad evitare l’introduzione di materiali illeciti, proibiti e/o pericolosi ed è tenuto a seguire le indicazioni fornite dagli steward. Con l’acquisto del titolo di accesso allo Stadio lo spettatore autorizza implicitamente il Club a richiedere controlli sulla persona ed alle eventuali borse e contenitori al seguito, ed a negare l’ingresso o ad allontanare dallo Stadio chiunque non sia disposto a sottoporsi a detti controlli.
  6. Al fine di garantire l’incolumità degli spettatori, gli steward svolgono attività di controllo sulla persona. Tale attività, finalizzata ad evitare l’introduzione di materiali illeciti, proibiti e/o pericolosi, potrà essere svolta effettuando il “sommario controllo” delle borse, degli oggetti portati al seguito e delle stesse persone, procedendo alla verifica attraverso la tecnica del PAT-DOWN (art. 1, comma 3 lettera A, DM 28 luglio 2011) anche con l’uso di metal detector portatili.
  7. Il PAT-DOWN, ovvero la ricerca sulla persona e sui suoi abiti di oggetti occultati, pericolosi o vietati, senza introdurre le mani entro borse e tasche degli spettatori, include:
  • La richiesta allo spettatore di effettuare tale tecnica, evidenziando che in caso di rifiuto lo spettatore deve essere controllato da agenti di polizia e che il rifiuto di sottoporsi a detto controllo costituisce violazione del regolamento d’uso dell’impianto con conseguente sanzione amministrativa ed allontanamento dallo stadio
  • La richiesta di esibizione di oggetti custoditi nelle tasche, all’interno dei capi di abbigliamento e all’interno di borse e/o zaini;
  • L’invito ad allargare le braccia, al fine di consentire un adeguato controllo;
  • Il sommario controllo, con la tecnica del PAT-DOWN, delle parti ove potrebbero essere occultati oggetti pericolosi, nel rispetto della dignità della persona (a tal fine i controlli verranno effettuati da persone dello stesso sesso dello spettatore)

Modalità di Ammissione allo Stadio

  1. L'ingresso allo Stadio è autorizzato solo dopo la presentazione di idoneo titolo di accesso personale (D.M 6/6/2005) e di esibizione al personale addetto di un documento identificativo valido ai fini della verifica della corrispondenza tra l’intestatario del titolo di accesso ed il possessore dello stesso. Il titolo ed il documento dovranno essere esibiti in qualsiasi momento a richiesta del personale preposto.
  2. II titolo di accesso è personale, sarà rilasciato solo previa registrazione dei dati anagrafici dell’acquirente e non può essere ceduto a terzi salvo i casi e secondo le modalità previste dalla normativa di legge in materia e dal Club.
  3. Il titolo di accesso va conservato fino all‘uscita dello stadio e mostrato, in qualsiasi momento, a richiesta degli steward. Qualunque tagliando venduto illegalmente sarà confiscato dagli steward, dai Funzionari del Club e/o dalle Forze dell’Ordine.
  4. Lo spettatore ha il diritto/dovere di occupare il posto assegnato (evidenziato sul biglietto e/o sull’abbonamento) e, pertanto, con l’acquisto del titolo di accesso si impegna a non occupare posti differenti, seppur non utilizzati da altri soggetti, salvo che non sia stato espressamente autorizzato dal Club. Lo spettatore che verrà trovato ad occupare posti diversi da quello assegnato potrà essere allontanato dallo stadio.
  5. L’accesso allo Stadio alle tifoserie per le operazioni di stesura striscioni e preparazione di coreografie è consentito da 1 ora prima dell’apertura delle porte al pubblico. L’attività in argomento dovrà essere conclusa prima dell’apertura dei cancelli per l’ingresso del pubblico.
  6. Il possessore di regolare titolo di accesso che abbandona lo stadio, prima del termine della gara, non sarà più riammesso.
  7. La Fan Card (tessera del tifoso) segue le indicazioni previste dalle norme in materia, che sono reperibili sul sito dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, al seguente link.

http://www.osservatoriosport.interno.gov.it/tessera_del_tifoso/serieB.html

        

Divieti

Come previsto dalle vigenti normative e dai regolamenti sportivi, chiunque non accettasse di sottoporsi ai controlli di sicurezza, ivi compresi gli accertamenti dello stato di alcolemia, non potrà essere ammesso all’interno dello Stadio. I comportamenti sotto elencati devono essere ritenuti proibiti e perseguibili a norma delle leggi e dei regolamenti vigenti, a meno che specificamente riconosciuti come necessari dall’Autorità di Pubblica Sicurezza; all’interno dell’impianto sportivo e dell’area riservata esterna è fatto pertanto esplicito divieto di:

  1. entrare o tentare di entrare senza titolo di accesso regolarmente rilasciato secondo il D.M. 6/6/05;
  2. sostare in prossimità di passaggi, di uscite ed ingressi, lungo i percorsi di smistamento, le vie di accesso, di esodo ed ogni altra via di fuga senza giustificato motivo, nonché ad accedere o tentare di accedere nelle aree soggette a restrizione al pubblico.
  3. attardarsi senza ragione o giustificato motivo negli ingressi o vie di uscita, nei passaggi e nei corridoi dello stadio;
  4. arrampicarsi e/o scavalcare recinzioni, separatori e strutture dello stadio (L. 401/89, art. 6 bis, comma 2);
  5. usare travestimenti che non permettano di distinguere il viso: si rammenta che il travisamento costituisce reato;
  6. compiere o tentare di compiere azioni che possano danneggiare persone o cose, in particolare, la detenzione e/o il lancio di oggetti e di materiale esplodente o fumogeno;
  7. invadere o tentare di invadere il campo di gioco, l’ingresso in aree proibite;
  8. distruggere, il danneggiare, manomettere, deturpare, imbrattare o utilizzare senza autorizzazione edifici, strutture o altre attrezzature, pubbliche o private all’interno dell’impianto sportivo;
  9. accedere e trattenersi all’interno dell’impianto in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.

10.introdurre o tentare di introdurre, detenere o assumere sostanze che possano alterare il normale comportamento e/o entrare nello stadio sotto il loro effetto (esempio: per stato di ebbrezza alcolica): introdurre, tentare di introdurre o detenere veleni, sostanze nocive, materiale infiammabile o imbrattante, droghe;

11.introdurre o tentare di introdurre, porre in vendita, distribuire, anche gratuitamente, nello stadio bevande in contenitori di vetro, plastica e lattine. È consentita la commercializzazione di bevande mediante somministrazione assistita, da parte di soggetti espressamente autorizzati, solo previa mescita in bicchieri di plastica leggera o di carta;

12.introdurre qualsiasi altro materiale assimilabile a quanto precedentemente indicato compreso quello destinato alle coreografie (fatta salva l’espressa autorizzazione);

13.introdurre o porre in vendita bevande alcoliche;

14.usare l’intimidazione, la coercizione, gli insulti o la provocazione, comunque porre in essere qualsiasi atto aggressivo od offensivo nei confronti di altre persone, (inclusi gli altri spettatori, gli arbitri, i giocatori, gli steward, lavoratori e personale di servizio in genere). È vietata qualunque forma di discriminazione razziale, etnica, religiosa o territoriale e qualunque manifestazione di intolleranza, espresse con cori, esposizioni di scritte ed in qualunque altro modo;

15.entrare o parcheggiare, comunque tentare di far questo, con ogni tipo di veicolo in luoghi diversi dalle aree destinate al loro parcheggio;

16.condurre attività commerciali o promozionali, fare mostra di materiale pubblicitario, raccogliere donazioni, se non preventivamente autorizzate e regolamentate dalle vigenti norme di sicurezza, pena la confisca del materiale oggetto di dette attività proibite;

17.gettare spazzatura, o altro materiale di scarto, in luoghi non previsti per tale scopo;

18.indossare pettorine od indumenti di colore e foggia confondibili con quelli degli steward;

19.organizzare coreografie non autorizzate ovvero difformi da quelle autorizzate dal Gruppo Operativo per la Sicurezza (GOS) su richiesta della Società Sportiva;

20.esporre materiale che ostacoli la visibilità agli altri tifosi o della segnaletica di emergenza o che comunque sia da ostacolo alle vie di fuga verso il terreno di gioco e verso l’esterno dell’impianto;

21.altre azioni che, a giudizio degli steward, costituiscano o possano costituire ostacolo alla conduzione o alla prosecuzione della gara, oppure siano o possano essere di fastidio o pericolo per altre persone;

22.è vietato stare in piedi quando il gioco è in corso;

23.è severamente vietato, senza previa autorizzazione scritta dalla Lega Nazionale Professionisti serie B (LNPB), registrare, trasmettere o in ogni caso sfruttare, contenuti sonori, visivi o audio-visivi della partita se non per proprio uso personale e privato o qualsiasi dato, statistica e/o descrizione della partita a parte per propri fini non commerciali;

24.non si possono introdurre nello stadio gli oggetti di seguito elencati, indicati anche su appositi cartelli presenti nelle varie zone dello stadio, dalle Forze dell’Ordine Pubblico in servizio per la gara e/o dal Gruppo Operativo per la Sicurezza (GOS): armi da fuoco o strumenti atti ad offendere, come spade, coltelli e forbici, veleni, sostanze nocive ed infiammabili, droghe o altre sostanze nocive/pericolose, esplosivi, fumogeni, mortaretti, fuochi artificiali, polvere da sparo, razzi, torce e bengala, strumenti sonori, sistemi per l’emissione di raggi luminosi (puntatori o luci laser) ed altri oggetti che possano arrecare disturbo ovvero pericolo all’incolumità di tutti i soggetti presenti nell’impianto;

pietre, biglie, bottiglie in vetro, bicchieri in vetro, lattine, taniche, bottiglie in PET con tappo, sostanze congelate nonché tutti gli altri oggetti idonei ad essere lanciati; oggetti che possono essere usati come arma, quali aste di bandiera aventi grossa sezione, supporti per macchine fotografiche, bastoni, martelli, cacciavite, catene, ecc.; videocamere, macchine fotografiche, zoom intercambiabili od altri accessori se non specificatamente autorizzati in via preventiva dal Club, binocoli di medie e grandi dimensioni (sono ammessi quelli di piccole dimensioni, tipo “da teatro”); tamburi ed altri mezzi di diffusione sonora (a titolo esemplificativo, megafoni, trombe a gas); bagagli ingombranti come ghiacciaie, valige, caschi da motociclista, ecc.; animali, con l’eccezione di cani guida per ciechi o cani soccorritori; ombrelli.

Modalità per striscioni e coreografie

E’ vietato introdurre nell’impianto sportivo, striscioni e qualsiasi altro materiale ad essi assimilabile compreso quello per le coreografie, se non espressamente autorizzato. Sono altresì vietati i tamburi ed altri mezzi di diffusione sonora (trombe, megafoni, ecc).

Sarà possibile introdurre ed esporre striscioni contenenti scritte a sostegno della propria squadra per la gara in programma, inoltrando almeno 7 giorni prima dello svolgimento della gara, apposita istanza al Club, scaricabile sul sito www.trapanicalcio.it  ed inoltrata mediante fax o e-mail al Club, indicando le proprie generalità complete, e specificando:

  • le dimensioni ed il materiale utilizzato per la realizzazione;
  • il contenuto e la grafica compendiati in apposita documentazione fotografica;
  • il settore in cui verrà esposto.

Analoga disciplina dovrà essere applicata per le bandiere (drappo di forma rettangolare, attaccato per uno dei lati più corti, ad un’asta, quest’ultima se consentita dalla normativa vigente), fatte salve quelle riportanti solo i colori sociali della propria squadra e quella degli Stati rappresentati in campo.

Per le coreografie, oltre a quanto sopra previsto, dovranno essere specificate le modalità ed i tempi di attuazione, significando che tale attività dovrà comunque terminare prima che inizi la gara.

Il Club, informerà il Dirigente del GOS e l’Ufficio di Gabinetto del Questore, i quali, acquisito anche per le vie brevi il parere delle Amministrazioni interessate (Vigili del Fuoco e Delegato alla Sicurezza Società Sportiva), provvederanno, non oltre i 5 giorni prima dello svolgimento dell’incontro, a concedere il proprio “nulla osta”, a condizione che:

  1. sia/siano identificato/i il/i richiedente/i dell’esposizione del materiale o della realizzazione delle coreografie;
  2. all’interno del gruppo che ne fa richiesta, non siano presenti una o più persone soggette a divieto di accesso agli impianti sportivi;
  3. non sussistano motivi ostativi sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica;
  4. non sussistano motivi ostativi sotto il profilo della salvaguardia della pubblica incolumità e della sicurezza antincendio.

Il nulla osta potrà essere concesso anche per l’intera stagione ed essere revocato, fatte salve le prerogative del Club che ha accordato l’autorizzazione, qualora uno o più appartenenti al gruppo vengano colpiti da DASPO o si rendano responsabili di episodi di intemperanza o violazioni delle prescrizioni previste dal Regolamento d’Uso.

E’ comunque vietato esporre materiale che per dimensioni ostacoli la visibilità agli altri tifosi tanto da costringerli ad assumere la posizione eretta.

Il Club, a cui è demandata ogni attività di verifica inerente la specifica materia, comunicherà per iscritto le determinazioni assunte al richiedente, con l’avviso che:

  1. il materiale autorizzato dovrà essere introdotto all’interno dell’impianto almeno 1 ora prima dell’apertura dei cancelli, specificando il varco d’ingresso;
  2. non sarà consentito l’ingresso di materiale, ancorché autorizzato, dopo l’apertura al pubblico dei cancelli;
  3. gli striscioni potranno essere affissi esclusivamente nello spazio specificatamente assegnato dalla società, la quale dovrà quindi verificare il rispetto delle prescrizioni con proprio personale;
  4. l’esposizione di materiale diverso da quello autorizzato comporta l’immediata rimozione e l’allontanamento dall’impianto del/dei trasgressore/i cui potrà essere applicata la normativa in materia di divieto di accesso agli impianti sportivi nonché, revocata l’autorizzazione all’esposizione dello striscione identificativo del club di appartenenza;
  5. non sarà consentito l’ingresso e l’esposizione di striscioni e di qualsiasi altro materiale ad essi assimilabile, compreso quello per le coreografie, cartelli, stendardi orizzontali, banderuole, bandiere, materiali stampati o scritti contenente propaganda politica, ideologica o religiosa, o comunque affermazioni inneggianti alla violenza o alla discriminazione di qualsiasi tipo;
  6. al termine del deflusso del pubblico il materiale autorizzato dovrà essere rimosso e ripresentato integralmente presso il varco indicato.

Motivi di espulsione dall’impianto sportivo

Chiunque tenga atteggiamenti violenti, ingiuriosi od offensivi, discrimini in senso razziale, etnico od in ambito religioso verso gli altri spettatori o verso gli atleti presenti nell’impianto sportivo, produca danneggiamenti all’impianto ed alle aree di pertinenza, ponga in atto comportamenti pericolosi per la sicurezza degli altri spettatori, oppure si sia introdotto nello stadio privo di un valido titolo d’ingresso, detenga un titolo d’accesso su cui è indicato un nominativo non corrispondente alla propria identità, occupi percorsi di smistamento od aree riguardanti le vie di esodo, esponga striscioni non autorizzati all’ingresso ed alla loro esposizione, introduca materiale per cui è previsto il divieto dalla normativa vigente o comunque indicato nel presente “regolamento d’uso”, acquisti titoli di accesso diversi da quelli destinati alla propria tifoseria di appartenenza, o comunque contravvenga alle norme contenute nel regolamento d’uso dell’impianto sportivo, potrà essere espulso dall’impianto sportivo stesso, dopo gli accertamenti effettuati dall’Autorità competente.

Avvertenze

Si rammenta che costituisce reato anche: il travisamento, il possesso di armi proprie ed improprie, l’ostentazione di emblemi o simboli di associazioni che diffondano la discriminazione o la violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, l’incitazione alla violenza nel corso di competizioni agonistiche, il possesso, il lancio e l’utilizzo di materiale pericoloso ed artifici pirotecnici, lo scavalcamento di separatori e l’invasione di campo.

Chiunque commetta atti criminali od anche solo contrari al presente regolamento d’uso, nell’area circostante lo stadio, nel percorso di avvicinamento o di allontanamento dallo stadio, ed all’interno dello stesso stadio, in occasione di un evento può essere passibile di inibizione all’accesso nello stadio da parte del Club per tutti i futuri eventi. I seguenti comportamenti costituiscono reato ai sensi della Legge n. 401 del 13 dicembre 89 e successive modifiche ed integrazioni, e sono puniti con le sanzioni previste dalla normativa vigente.

Comporta il divieto di accesso agli impianti sportivi l’eventuale condanna per uno dei reati sotto elencati:

- Violazione delle disposizioni di divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive.

- Lancio di materiale pericoloso, scavalcamento e invasione di campo in occasione di competizioni sportive.

- Invasione di campo.

- Possesso di artifici pirotecnici in occasione di manifestazioni sportive.

- Turbativa di manifestazioni sportive.

Disposizioni finali

Il Trapani Calcio Srl si riserva di modificare il presente regolamento in qualsiasi momento e con efficacia immediata, anche per coloro che abbiano già acquisito il titolo di accesso, di propria iniziativa e/o in conseguenza di provvedimenti legislativi, amministrativi e/o di Pubblica Sicurezza (come ad esempio anche le Determinazioni emanate dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive).

Trattamento dei dati personali

Si segnala che l’impianto sportivo è controllato da un sistema di registrazione audio-video posizionato sia all’interno che all’esterno, i cui dati sono trattati secondo le disposizioni previste dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e dal D.M. 06/06/2005. Le aree sottoposte a videosorveglianza sono individuabili grazie alla presenza di appositi cartelli. La registrazione è effettuata per fini di ordine e sicurezza pubblica, conformemente all’art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D. Lgs. N. 196/2003). La società organizzatrice della manifestazione calcistica è tenuta a conservare i dati e supporti di registrazione fino a sette giorni dall’evento (trascorsi i quali verranno cancellati) ed ha l’obbligo di mettere gli stessi supporti e dati a disposizione dell’Autorità giudiziaria e di pubblica sicurezza.

Il trattamento dei dati personali è effettuato secondo le disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali e del Decreto del Ministero dell’Interno 6 Giugno 05. A tal fine si comunica che il titolare del trattamento dei dati personali è il Responsabile Sicurezza dello Stadio ing. Francesco Palmisano

Trapani Calcio S.r.l.

 

Leggi la circolare N.15 - Misure per la tutela dell'ordine pubblico in occasione delle gare